I giocatori di casinò attraverso i secoli

Giocatori da casinò: le origini
I Cesari
, gli imperatori, l'antica Roma - Giulio (100-44 a.C.) partecipava ai giochi d'azzardo aperti al pubblico che si svolgevano nella settimana dei Saturnalia ed è famosa la frase che pronunciò attraversando il fiume Rubicone: 'alea iacta est' ('il dado è tratto'). Augusto (63 a.C.-14 d.C.) giocava ad alea (una prima forma di backgammon) e organizzava lotterie per distribuire omaggi agli ospiti dei banchetti. Claudio (10 a.C.-54 d.C.) si era fatto costruire un tavolo speciale per giocare a dadi mentre viaggiava a bordo di carrozze traballanti. Era un appassionato giocatore di dadi al punto che di tanto in tanto convocava persone al tavolo da gioco, dimenticando averle fatte giustiziare. Caligola (12-41 d.C.) era solito scommettere sulle corse di carri e giochi di dadi, trasformò il suo palazzo imperiale in una casa da gioco per raccogliere fondi per il tesoro e giocò a dadi persino il giorno del funerale della sorella. Nerone (37-68 d.C.) amava tutti i tipi di sport e giochi, così come le scommesse. Promosse il gioco d'azzardo nel palazzo imperiale durante tutto l'anno e mise in palio enormi somme di denaro al gioco dei dadi.

Giocatori da casinò: XV-XVIII secolo
Lorenzo de' Medici
, statista, Italia (1449-1492) - politico rinascimentale della Repubblica Fiorentina e mecenate. Mostrò passione per i giochi di carte, alcuni dei quali creati da lui stesso, e menzionò spesso in poesia i giochi da casinò la bassetta e il frusso. Divenne noto come abile giocatore di carte.

Giocatori da casinò: XVIII-XIX secolo
William Penn
, fondatore della Pennsylvania, Inghilterra-Nord America (1644-1718) - Quacchero che fondò la colonia nordamericana poi passata alla storia col nome di Pennsylvania, negli Stati Uniti. Sembra che poté usufruire di una concessione per quella terra come risarcimento di un debito di gioco d'azzardo insoluto di £16.000 dovuto a suo padre, Sir William Penn.

Voltaire, scrittore, Francia (1694-1778) - uno storico all'epoca dell'Illuminismo in Francia, accanito giocatore d'azzardo. Quando il governo francese istituì una lotteria alla quale potevano partecipare solo gli acquirenti di determinate obbligazioni, ideò una strategia per sfruttare al meglio le regole di ingresso ottenendo le obbligazioni che consentivano il maggior numero di ingressi. Lui e i suoi investitori vinsero una larga fetta dei soldi pagati dalla lotteria in quel periodo. Il governo cercò di evitare di pagarlo, ma lui vinse in tribunale. Giocava spesso a faro (gioco di carte) e biribisso (gioco simile alla roulette con numeri estratti da un sacchetto).

Giacomo Casanova, memorialista e amante, Venezia, Italia (1725-1798) - avventuriero che giocava regolarmente d'azzardo, prediligendo su tutto il faro. Una volta perse 5.000 monete d'oro in due giorni a Venezia. Casanova era anche un noto donnaiolo che usava il proprio fascino per sedurre donne ricche a cui faceva pagare i debiti di gioco. Scrisse del gioco d'azzardo nelle sue memorie, comprese le sessioni al Ridotto, un'ala del Palazzo San Moisè di Venezia.

John Montagu, quarto conte di Sandwich, Inghilterra, Regno Unito (1718-1792) - era un appassionato giocatore d'azzardo che giocava lunghissime sessioni al White di Londra. Intorno al 1765, al White inventò (o rese famosa) la pratica di mangiare della carne tra due fette di pane. Ciò che era iniziato come una comoda abitudine per tenere le mani pulite ed evitare di sporcare le carte diventò noto come sandwich.

George Washington, presidente e generale, Stati Uniti d'America (1732-1799) - teneva un diario dettagliato di vittorie e sconfitte a carte.

Giocatori da casinò: XIX-XX secolo
Thomas Jefferson
, presidente, Stati Uniti d'America (1743-1826) - giocava regolarmente d'azzardo durante il periodo in cui scrisse la Dichiarazione di Indipendenza. Annotò vincite e perdite a giochi come backgammon, lotterie, cross/pile (testa/croce) e vari giochi di carte.

Jane Austen, autrice, Gran Bretagna (1775-1817) - la scrittrice nei suoi romanzi utilizzava spesso i giochi di carte per svelare i tratti della personalità dei vari personaggi. Romanzi come Orgoglio e pregiudizio e Ragione e sentimento includono riferimenti a biglietti della lotteria, quadriglia, vingt-un, whist, e giochi di picchetto.

Napoleone Bonaparte, generale/imperatore, Francia (1769-1821) - il famoso generale apprezzava i giochi di abilità, le cui strategie impiegava in battaglia. Sostenne i casinò francesi e contribuì a diffondere il vingt-un. Suo nipote, Lucien, divenne un giocatore d'azzardo di successo.

George 'Beau' Brummell, frequentatore dell'alta società, Gran Bretagna (1778-1840) - amico di re Giorgio IV ed elegante uomo di mondo, giocava spesso, perdendo. Si accompagnava all'alta società ma accumulò grossi debiti. Alla fine fuggì a Calais dove trascorse il resto dei suoi giorni in povertà.

Romanzieri russi - Alexander Pushkin (1799-1837) trascorse la giovinezza bevendo e giocando d'azzardo. Accumulò così tanti debiti da tentare di ottenere una seconda ipoteca sulla servitù della moglie. Scrisse La dama di picche sul gioco d'azzardo.

Fëdor Dostoevskij (1821-1881) scrisse Il giocatore per pagare i debiti al casinò, ambientando la storia nei tanto amati casinò di Baden-Baden.

Giocatori da casinò: XX-XXI secolo
Lev Tolstoj
(1828-1910) si arruolò nell'esercito russo per sfuggire ai debiti di gioco verso un editore accumulati giocando a biliardo. Alla fine rinunciò al manoscritto I cosacchi a titolo di pagamento.

Ivan Turgenev (1818-1883) è l'autore di Fumo, un libro sui casinò di Baden-Baden. In avvenimenti non correlati tra loro, Turgenev fu chiamato a salvare prima Tolstoj poi Dostoevskij da visite poco fortunate ai casinò.

Wyatt Earp, giocatore d'azzardo-giurista, Stati Uniti (1848-1929) e John 'Doc' Holliday, giocatore d'azzardo-giurista-dentista, Stati Uniti (1851-1887) - questi due giocatori girovaghi si incontrarono in Texas quando Earp salvò la vita di Holliday. Diventarono poi amici e uomini di legge. Entrambi erano noti per l'attività di dealer (redditizia e spesso poco onesta) nel gioco del faro. Anni dopo la famosa sparatoria all'O.K. Corral e la morte di Holliday per tubercolosi, Wyatt Earp ebbe un ruolo controverso come arbitro dell''incontro di pugilato del secolo' tra Bob Fitzsimmons e Tom Sharkey nel 1896. Fitzsimmons, il favorito, dominò tutto l'incontro ma fu squalificato dall'arbitro Earp per un pugno sotto la cintura. Pochi videro il colpo dell'espulsione e successivamente si diffusero storie su una probabile cospirazione per truccare la partita. Fitzsimmons intentò causa per ribaltare la decisione dell'arbitro, col risultato che un giudice della California, per evitare di dover prendere una decisione spinosa, decretò i combattimenti di pugilato illegali nello stato.

H.R.H. Edoardo VII, Principe di Galles, Gran Bretagna (1841-1910) - re di Gran Bretagna e delle colonie britanniche e Imperatore d'India che amava il casinò. Il Principe di Galles si recava spesso a Monte Carlo, viaggiando sotto lo pseudonimo di 'Barone di Renfrew'.

Winston Churchill, primo ministro, Gran Bretagna (1874-1965) - politico britannico e leggendario leader in tempo di guerra, convinto dell'importanza di rischiare al casinò, nel gioco o in guerra. Churchill giocava regolarmente a poker, bezique, mah jong, e pinnacolo. È risaputo che perse una grossa somma in una partita di poker con il presidente americano Harry Truman e i suoi consulenti.

Alvin 'Titanic Thompson' Thomas, giocatore d'azzardo, Stati Uniti (1893-1974) - giocatore di strada conosciuto per le scommesse su golf, dadi, carte, biliardo, ferri di cavallo, e le proposition bet. Thompson fu di ispirazione per il personaggio creato dallo scrittore Damon Runyon, Sky Masterson, lo scaltro giocatore d'azzardo. Il personaggio fu di ispirazione per il musical e il film Guys and Dolls (Bulli e pupe).

John 'Bet a Million' Gates, industriale, Stati Uniti (1855-1911) - pioniere del filo spinato che giocava a poker e baccarat puntando grandi somme. Venne soprannominato 'Bet a Million' per aver vinto $600.000 puntando $70.000 grazie ad una scommessa piazzata su una corsa di cavalli nel 1900, in Inghilterra, anche se circolavano voci che avesse vinto $1 milione.

Nick 'the Greek' Dandolos, giocatore d'azzardo, Creta-USA (1883-1966) - nato in ricchezza e mandato negli Stati Uniti con un sussidio, era amante del rischio e scommetteva sulle corse dei cavalli. Dandolos conobbe alterne fortune con carte, dadi e cavalli. Morì senza un soldo il giorno di Natale del 1966, anche se la sua leggenda esplose dopo la sua morte. Ora è uno dei più famosi giocatori di casinò di tutti i tempi.

James Bond (Ian Fleming e Sean Connery), personaggio romanzesco, Gran Bretagna (1953) - agente segreto britannico creato dall'autore (ed ex agente segreto) Ian Fleming e protagonista di numerosi romanzi. Gli adattamenti cinematografici, che iniziano con 007 - Licenza di uccidere nel 1962, hanno fatto di James Bond uno dei franchise cinematografici più redditizi al mondo. James Bond si cimenta in giochi da casinò con puntate altissime in molti romanzi e film. Il primo romanzo di Bond, Casinò Royale, si apre a un tavolo di roulette. Nel primo dei suoi film, 007 - Licenza di uccidere, Bond gioca a baccarat. James Bond gioca il 17 nero alla roulette in 007 - Una cascata di diamanti. Secondo alcune voci - forse vere ma difficilmente credibili cronologicamente - nel 1963 Sean Connery, al Casino de la Vallée in Italia, effettuò un paio di scommesse sul 17 nero, perdendo. Scommise sul 17 nero una terza volta, vinse e continuò a giocare senza muovere le chips. La pallina finì di nuovo sul 17 nero. Lasciò l'intera somma sul tavolo e la palla atterrò sul 17 nero per la terza volta consecutiva. Uscì dal casinò con circa £10.000 di vincite. L'elemento improbabile della storia non sono le bassissime probabilità di azzeccare lo stesso numero in tre giri di roulette ma il fatto di aver messo a segno la vincita nel 1963, otto anni prima che il personaggio di Bond facesse la famosa scommessa sul 17 nero in 007 - Una cascata di diamanti.

Poker presidenziale - Warren Harding (presidente, Stati Uniti, 1865-1923), presidente degli Stati Uniti giocava a poker due volte a settimana con i membri del gabinetto in partite altamente competitive e si dice che abbia perso le porcellane della Casa Bianca in una partita di high-card. Franklin D. Roosevelt (Presidente, Stati Uniti, 1882-1945) era un giocatore di poker stud low stake che ospitava regolarmente partite durante l'ultima notte di ogni seduta del Congresso, con il vincitore dichiarato al rinvio. Harry S. Truman (presidente, Stati Uniti, 1884-1972) era un giocatore di fama del five-card stud e organizzò lunghe sessioni di poker con la stampa mentre rifletteva sugli attacchi con l'atomica contro il Giappone e per tutta la Seconda Guerra Mondiale. Giocò con Winston Churchill al tempo del discorso sulla 'Cortina di ferro'. Dwight Eisenhower (presidente, Stati Uniti, 1890-1969) imparò a giocare a poker e bridge a West Point. Si dice che avesse corteggiato la futura moglie Mamie con le sue vincite al poker. Richard Nixon (presidente, Stati Uniti, 1913-1994) imparò il gioco del poker mentre prestava servizio nella marina americana ed era considerato un giocatore esperto; usò le vincite per finanziare la sua prima campagna per un posto alla Camera dei Rappresentanti.

William Lee Bergstrom, immobiliare, Stati Uniti (1951-1985) - agente immobiliare noto come 'The Suitcase Man' e 'Phantom Gambler' a causa delle sue apparizioni casuali e delle enormi scommesse a craps. Il 24 settembre 1980, giunse all'Horseshoe di Binion, a Las Vegas, e confermò la politica di Benny Binion di permettere ai giocatori di decidere il proprio limite al casinò con la prima scommessa. Portò con sé due valigie: una riempita con $777.000 e l'altra vuota. Piazzò $777.000 sulla sua prima scommessa a craps, vinse, si fece aiutare da Ted Binion a riempire la seconda valigia e lasciò la città. Il 24 marzo 1984, tre anni e mezzo dopo, tornò, effettuò una scommessa singola di $538.000 al tavolo di craps, vinse la scommessa e ancora una volta scomparve. Tornò per un terzo tentativo il 16 novembre 1984, con la valigia piena di $1 milione in contanti, monete d'oro e assegni. Scommise l'intero milione su un lancio di craps e perse. Quando tornò per la quarta volta, il 2 febbraio 1985, tentò di giocare al casinò con un assegno chiaramente contraffatto di $1,3 milioni. La notte successiva, al Marina Hotel sulla "Strip" di Las Vegas, si tolse la vita. Secondo le poche righe scritte agli amici, la causa principale dei suoi problemi era una relazione romantica naufragata.

Akio Kashiwagi, uomo d'affari, Giappone (1938-1992) - investitore immobiliare che giocava a baccarat con alte poste in gioco nei casinò americani, spesso scommettendo $100.000 o $200.000 per mano. Entrato in controversie legali con il casinò di Atlantic City di Donald Trump e l'Aladdin a Las Vegas per l'accusa da lui mossa di non aver onorato la loro parte di accordo, Kashiwagi perse $10 milioni. Fu assassinato vicino al Monte Fuji nella sua abitazione, lasciando dietro di sé milioni di debiti di gioco. L'omicidio rimane irrisolto. 

Archie Karas, giocatore d'azzardo, Grecia-USA (nato nel 1951) - famoso high roller, iniziò come giocatore di biliardo professionista e giocatore di poker. Karas costituì un bankroll di $2 milioni ai tavoli da poker, per poi perderlo a Los Angeles nel 1992. Archie realizzò una famosissima striscia vincente trasformando $50 in oltre $40 milioni a Las Vegas all'inizio del 1995. Più tardi, lo stesso anno, perse tutto giocando a poker, craps e baccarat.

Elmer Sherwin, veterano dell'esercito statunitense, Las Vegas, Nevada, Stati Uniti (1913-2007) - pensionato che centrò il jackpot Megabucks da $4,6 milioni alla slot machine il giorno di apertura di The Mirage a Las Vegas nel 1989. 16 anni dopo, nel 2005, vinse $21,1 milioni, il suo secondo jackpot Megabucks all'età di 92 anni al Cannery Casino.

Kerry Packer, uomo d'affari, Australia (1937-2005) - il magnate dei media noto per aver fondato le World Series di cricket, possedeva anche una percentuale del Crown Casino di Melbourne. Packer, giocatore di poste molto alte, intaccò i profitti del casinò MGM di Las Vegas nel 1997 vincendo $20 milioni. Una volta perse anche $30 milioni a favore di un bookmaker a Sydney. Noto ad alcuni come 'il peso massimo del baccarat'.

Don Johnson, dirigente aziendale-giocatore di casinò, Stati Uniti (1962-presente) - CEO di una società che progetta software di corse di cavalli. Dal 2010 al 2011 ha vinto $15 milioni a blackjack in tre casinò di Atlantic City e del New Jersey.

Gli innovatori del casinò attraverso i secoli

Innovatori del casinò: le origini
Alfonso X
, re di Castiglia e León, Spagna (1221-1284) - autore della prima guida sul gioco d'azzardo, il volume di 98 pagine intitolato Libro dei giochi. Principalmente dedicato a scacchi e giochi da tavolo, descrive però anche giochi di dadi, come l'hazard, antenato del craps.

Marco Polo, esploratore, Venezia, Italia (1254-1324) - viaggiatore e mercante che fece conoscere gli europei alle culture asiatiche. A Marco Polo è attribuita (forse erroneamente) l'introduzione dell'invenzione cinese delle carte da gioco a Venezia, da dove le carte si diffusero in tutta Europa.

Innovatori del casinò: XV-XVIII secolo
Galileo Galilei
, astronomo e matematico, Firenze, Italia (1564-1642) - maggiormente noto per i suoi contributi al periodo rinascimentale, compreso il primo articolo accademico sulla probabilità delle diverse combinazioni con il lancio di tre dadi. Studiò l'argomento su richiesta del suo mecenate, il Granduca di Toscana Cosimo II.

Girolamo Cardano, matematico & inventore, Italia (1501-1576) - scrittore prolifico su numerosi argomenti e curioso giocatore d'azzardo. Quasi un secolo dopo la sua morte, la scoperta e la pubblicazione nel 1663 del Liber de Ludo Aleae (Il libro dei giochi di probabilità) contribuì al perfezionamento della teoria della probabilità e alla comprensione delle quote.

Blaise Pascal, matematico e scienziato, Francia (1623-1662) - Blaise Pascal sviluppò il primo calcolatore. Circa nello stesso periodo, i tentativi di scoprire il moto perpetuo portarono probabilmente alla creazione della prima ruota di roulette. Pascal collaborò con Pierre de Fermat allo sviluppo della teoria della probabilità come branca della matematica e delle scienze sociali. La collaborazione con Fermat iniziò a causa dei quesiti sul gioco d'azzardo posti da Chevalier de Mere.

Innovatori del casinò: XVIII-XIX secolo
Francis White
, gestore di casinò, Gran Bretagna - nato Francesco Bianco in Italia, nel 1693 diede vita a quello che divenne uno dei club per gentiluomini più antichi ed esclusivi di Londra, inizialmente un locale simile a un sala da tè chiamato Mrs. White's Chocolate House. Il White's si trasferì nella sede attuale al 37-38 di St. James Street nel 1755. Là i gestori tennero un libro di scommesse nel periodo del XVIII e XIX secolo, famoso perché riportava insolite proposition bet. In quel periodo, all'interno di quei locali, i membri giocavano anche a faro e hazard.

Edmund Hoyle, scrittore, Gran Bretagna (1672-1769) - Hoyle era uno specialista del gioco d'azzardo e scrisse Un breve trattato sul gioco del Whist, testo di riferimento per numerosi giochi di carte per centinaia di anni. Scrisse anche libri su backgammon, scacchi e altri giochi. Molto apprezzato per la conoscenza del gioco, tanto che fu coniata l'espressione, 'Secondo Hoyle'.

Richard 'Beau' Nash, maestro di cerimonie di Bath, Gran Bretagna (1674-1761) Uno dei primi ospiti di casinò. Richard Nash prestò servizio come maestro di cerimonie nella città termale di Bath dal 1704 fino alla sua morte, nel 1761.

Innovatori del casinò: XIX-XX secolo
Jacques Benazet
, gestore di casinò, Francia-Germania (1778-1848) - gestì numerosi club di gioco d'azzardo in Francia e in Germania, il più noto di tutti quello di Baden-Baden nel 1838. Sotto la sua guida, seguito da suo figlio Edward e suo nipote, la popolarità di Baden-Baden come destinazione termale e di casinò aumentò vertiginosamente e resta ancor oggi una delle principali mete per i giocatori.

Antoine Chabert, proprietario e gestore di casinò, Francia-Germania (1774-1850) - proprietario del Palais Royale a Parigi prese poi in gestione il Conversation House a Baden-Baden, dove raddoppiò il numero di visitatori. Chabert gestì anche numerosi casinò tedeschi.

François Blanc, operatore di casinò, Germania-Monaco (1806-1877) - con il fratello gemello Louis Blanc (1806-1854), François divenne il gestore di casinò più famoso e di maggior successo del XIX secolo. I fratelli Blanc aprirono Kursaal a Bad Homburg nel 1843, introdussero la roulette con un solo zero e François inaugurò il Casino de Monte Carlo nel Principato di Monaco nel 1868. François ebbe talmente tanto successo che fu soprannominato 'Il mago di Monte Carlo' e nacque la leggenda che avesse fatto un patto con il diavolo per garantirsi un'incredibile fortuna.

Innovatori del casinò: XX-XXI secolo
Charles Fey
, inventore, Stati Uniti (1862-1944) - sviluppatore di macchine di origine tedesca, utilizzò le proprie conoscenze in materia di apparecchiature elettriche per inventare le prime slot machine meccaniche a tre rulli nel 1895. La sua macchina Liberty Bell pagava un 'jackpot' di 20 monete in caso di allineamento di tre campane.

Herbert Mills, inventore, Stati Uniti (1872-1929) - sviluppatore di slot machine rivale che creò la propria slot Liberty Bell nel 1905 con differenti caratteristiche e miglioramenti. La Mills Novelty Company produsse la macchina in quantità industriali.

Benny Binion, proprietario e gestore di casinò, Stati Uniti (1904-1989) - Benny Binion gestì attività di gioco d'azzardo in Texas prima di acquisire casinò nel centro di Las Vegas alla fine degli anni '40. Rinominò una delle proprietà Horseshoe e divenne uno dei principali gestori di casinò. Binion introdusse o diffuse innovazioni come offrire bevande gratuite e altri omaggi ai giocatori, oltre a proporre regole e limiti di scommessa favorevoli. Con i suoi figli Jack Binion (nato nel 1937) e Lonnie 'Ted' Binion (1943-1998), istituì le World Series of Poker nel 1970.

Howard Hughes, investitore e proprietario di casinò, Stati Uniti (1905-1976) - aviatore eccentrico, inventore e regista che divenne il più grande proprietario di casinò e terreni a Las Vegas negli anni '60. Possedeva i casinò Desert Inn, Castaways, Frontier, Landmark, Sands e Silver Slipper. A Hughes si attribuisce il merito di aver tolto i casinò di Las Vegas dal controllo della criminalità in favore delle grandi società.

Benjamin 'Bugsy' Siegel, gangster, Stati Uniti (1906-1947) - famoso contrabbandiere e giocatore d'azzardo, ideò e supervisionò la costruzione del primo grande casinò di Las Vegas, il Flamingo, che aprì al pubblico nel 1946.

William 'Si' Redd, investitore, Stati Uniti (1911-2003) - lasciò la Bally, per cui fu distributore di macchine da intrattenimento e da gioco, nel 1978. Acquisì la società che diventò poi International Gaming Technology (IGT) e sviluppò le prime macchine di video poker nel 1979. L'IGT è diventata leader mondiale nel settore delle scommesse e di sistemi e macchine per lotterie. Sotto la direzione di Redd, l'IGT ha anche introdotto le slot machine progressive (come Megabucks) e le slot machine con licenze concesse dai media come per i marchi Ruota della fortuna e Elvis.

Kirk Kerkorian, investitore, proprietario e gestore di casinò, Stati Uniti (nato nel 1917) - investitore che comprò la prima proprietà a Las Vegas nel 1962, la affittò ai costruttori del Caesars Palace, e vendette il terreno guadagnando $9 milioni nel 1968. Acquistò gli studi cinematografici Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) nel 1969, aprì l'MGM Grand Hotel e Casinò di Las Vegas qualche anno dopo, ma poi vendette la proprietà nel 1986 per $594.000.000.

Inge Telnaes, ingegnere, Stati Uniti (1930-2012) - nato in Norvegia, inventore, ingegnere e sviluppatore di software. Creò un software generatore di numeri casuali (RNG) che permette alle slot machine di funzionare in modo digitale. Lo sviluppo aumentò significativamente le potenziali vincite massime alle slot machine, precedentemente limitate al numero di risultati possibili dei rulli meccanici. Nel 1984 Telnaes brevettò un dispositivo di gioco elettronico che utilizza un generatore di numeri casuali per la selezione delle posizioni di arresto dei rulli, acquisito poi da International Game Technology.

Sheldon Adelson, investitore, proprietario e gestore di casinò, Stati Uniti (nato nel 1933) - imprenditore in breve tempo diventato giovane milionario, grazie al settore immobiliare e allo sviluppo del business. Acquistò il Sands Hotel and Casino di Las Vegas nel 1988 e costruì il Sands Expo and Convention Centre accanto ad esso. In seguito Adelson fece demolire il Sands Hotel and Casino per ricostruirlo come Venetian (poi Palazzo), e costruì anche il Venetian Macau Resort e altri casinò in Pennsylvania e Singapore.

Sol Kerzner, investitore, proprietario e gestore di casinò, Sud Africa (nato nel 1935) - Kerzner acquistò e costruì numerosi hotel e resort a livello mondiale. Costruì le proprietà della Western Hemisphere come Mohegan Sun in Connecticut, Stati Uniti e Atlantis Resort a Paradise Island nelle Bahamas.

Steve Wynn, investitore e proprietario/gestore di casinò, Stati Uniti (nato nel 1942) - costruttore e gestore americano di casinò, responsabile della rinascita del centro di Las Vegas negli anni '70 con la ristrutturazione del Golden Nugget. Wynn costruì il primo nuovo casinò nella Las Vegas Strip dopo oltre due decenni, Il Mirage nel 1989. Costruì anche Bellagio, Wynn, Bis e altri casinò degli Stati Uniti, assieme al Wynn Macau.

Donald Trump, promotore immobiliare e proprietario/gestore di casinò, Stati Uniti (1946) - prese le redini dell'attività di famiglia nel settore edilizio e commerciale e divenne il più grande costruttore e proprietario di casinò di Atlantic City nel corso degli anni '80. Le proprietà includevano il Trump Plaza Hotel e Casino, il Trump Marina, e il Trump Taj Mahal Casino.

Libri su giochi e casinò

Libro dei giochi di Alfonso X, re di Castiglia e León (1283) - la prima guida sul gioco d'azzardo. Include la descrizione di giochi con dadi come hazard, una versione precedente al craps.

Rinconete e Cortadillo di Miguel de Cervantes (1613) - Breve storia con una delle prime descrizioni del gioco trente-un (31), antenato del blackjack.

The Compleat Gamester di Charles Cotton (1674) - famosa guida per giochi di carte e dadi.

La dama di picche di Alexander Pushkin (1834) - breve storia di Hermann, un ingegnere tedesco nell'esercito imperiale russo, che impazzisce in seguito al tentativo di imparare i segreti di gioco di un'anziana contessa. Base per l'opera omonima del 1890 di Tchaikovsky.

Il giocatore di Fëdor Dostoevskij (1866) - il leggendario scrittore russo Dostoevskij dovette finire questa storia in fretta per pagare i propri debiti di gioco. Il racconto tratta di debiti di gioco e presenta numerose scene di puntate ai tavoli di roulette per passare il tempo, risolvere problemi e liberare i personaggi dei propri debiti.

Daniel Deronda di George Eliot (1876) - la storia di Daniel Deronda e Gwendolen Harleth inizia con la signorina Harleth che perde tutto il suo denaro al tavolo della roulette. La signora impegna quindi una collana per continuare a giocare, ma Deronda riesce a ricomprarla e la restituisce.

Casino Royale di Ian Fleming (1953) - il primo romanzo di James Bond si apre con l’agente segreto che gioca alla roulette. Il tavolo da roulette è uno scenario ricorrente nei romanzi di Bond e gli appassionati del gioco hanno sviluppato persino un ’sistema James Bond’ basato sulla strategia della famosa superspia.

Beat the Dealer di Dr. Edward O. Thorp (1962) - bestseller sulla strategia di base del blackjack, sul conteggio delle carte e sulle esperienze del dott. Thorp nel testare le proprie teorie accademiche nei casinò, accompagnato da esperti giocatori di casinò che offrono consulenza e finanziano la ricerca.

Paura e delirio a Las Vegas di Hunter Thompson (1972) - ispirato ai viaggi intrapresi dall'autore a Las Vegas e pubblicato in due lunghi articoli su Rolling Stone nel 1971. Considerato opera fondamentale del giornalismo 'gonzo' con la sua fusione di tecniche di narrativa, giornalismo e flusso di coscienza.

The Big Player di Ken Uston (1977) - il primo libro che rivela al pubblico il mondo segreto dei contatori di carte e del gioco di squadra a blackjack. Combina le strategie e le analisi di Uston con le avventure al casinò.

I folli muoiono di Mario Puzo (1978) - seguito del romanzo dello stesso autore Il Padrino. Situato a Las Vegas presso l'immaginario hotel Xanadu.

The Eudaemonic Pie di Thomas Bass (1985) - saggio su un gruppo di studenti universitari che costruì computer attivati con le dita dei piedi per prevedere i risultati della roulette al casinò.

Man with the $100,000 Breasts and Other Gambling Stories e Telling Lies and Getting Paid di Michael Konik (1999, 2001) - due raccolte di racconti di Michael Konik su giocatori d'azzardo, giochi e casinò.

Bringing Down the House di Ben Mezrich (2002) - Bestseller basato sull'esperienza del MIT Blackjack Team. Generalmente considerato non-fiction, include nomi modificati, dialoghi inventati, personaggi costruiti e descrizioni modificate degli eventi a scopi narrativi. A Bringing Down the House si ispira il film 21.

Roll the Bones di David Schwartz (2006) - storia completa e frizzante del gioco d'azzardo nel mondo.

Guys and Dolls (Bulli e pupe) e altri scritti di Damon Runyon (2008) - raccolta di racconti e articoli di Damon Runyon negli anni '20 e '30. La raccolta comprende le storie brevi che costituiscono la base del musical e film Bulli e pupe e raccontano di Al Capone e Arnold Rothstein.

Film su giochi e casinò

Casablanca (1942) - La maggior parte del film è ambientato al Café Americain di Rick, dove c'è una ruota della roulette truccata che favorisce il titolare, interpretato da Humphrey Bogart. Rick, prototipo del duro dal cuore buono, dice a un giovane, fresco di nozze e alla ricerca disperata di denaro per comprare dei visti falsi, di puntare sul numero 22. Il giovane vince e può così fuggire dalla guerra insieme alla moglie.

Bulli e pupe (1955) - Basato sul musical di Broadway, a sua volta tratto da diversi racconti di Damon Runyon, la versione cinematografica includeva nel cast Marlon Brando nel ruolo del giocatore d'azzardo Sky Masterson. Frank Sinatra, nel ruolo di Nathan Detroit, cantava Luck Be a Lady.

Caccia al ladro (1955) - di Alfred Hitchcock, è un film con Cary Grant e Grace Kelly, ambientato in ville, casinò e alberghi della Costa Azzurra. Grant interpreta John Robie, ex ladro di gioielli ingaggiato per seguire Frances Stevens (Kelly), lei stessa sospettata di essere ladra di gioielli. In una scena al casinò, Robie (Grant) fa cadere una chip di grande valore nel décolleté di una giocatrice seduta al tavolo della roulette.

Meet Me in Las Vegas (Donne... dadi... denaro!) (1956) - Un cowboy e giocatore d'azzardo scopre di essere fortunato alla roulette se tiene per mano una ballerina di nome Marie. Marie, però, all'inizio non vuole saperne di tenere la mano al cowboy.

Ocean's 11 (Colpo grosso) (1960) - la versione originale vedeva protagonista Frank Sinatra nel ruolo di Danny Ocean, la mente che architetta una rapina ai danni di cinque casinò di Las Vegas in una notte. Il film presenta il cuore del 'Rat Pack' hollywoodiano: Sammy Davis Jr., Dean Martin, Peter Lawford, Angie Dickinson e Joey Bishop. Peter Lawford acquistò i diritti originali della storia. Quando presentò la trama a Frank Sinatra, questi disse scherzando: 'Dimenticatevi il film. Mettiamo in atto il colpo!' Durante le riprese a Las Vegas, Sinatra fece serate al Copa Room dell'Hotel e Casinò Sands con Martin, Davis e Lawford.

The Honeymoon Machine (Per favore non toccate le palline) (1961) - Tre uomini in un sottomarino militare usano il computer del natante per calcolare la traiettoria della pallina alla roulette del casinò di Venezia. Le complicazioni sorgono quando il loro ammiraglio arriva al casinò.

Diamonds are Forever (Una cascata di diamanti) (1971) - film di James Bond tratto da un romanzo di Ian Fleming con Sean Connery nel ruolo di Bond. Parte della storia è ambientata a Las Vegas al (fittizio) Whyte House, di proprietà del miliardario solitario Willard Whyte. Bond gioca a craps in questa storia. Una scena si svolge all'interno del casinò Circus Circus.

The Sting (La stangata) (1973) - uno dei più famosi film sui giochi di abilità e fortuna, così come sulle truffe. Nel cast troviamo Paul Newman e Robert Redford nel ruolo di giocatori disonesti che tentano di soffiare soldi ad altri giocatori ancora più disonesti. Un pezzo forte del film è la scena in cui il personaggio di Robert Redford perde i tutti i suoi guadagni precedentemente rubati a una roulette truccata.

Lost in America (Pubblicitario offresi) (1985) - in questa commedia, Albert Brooks e Julie Hagerty, marito e moglie sono pronti a lasciarsi alle spalle la loro frenetica routine. Ma solo pochi giorni dopo aver iniziato una nuova vita guidando un camper attraverso il paese, i due si fermano a Las Vegas e la moglie perde tutti i soldi alla roulette. Punta sul 22, ma a differenza della coppia in Casablanca, non vince mai.

Heat (Black Jack) (1986) - Film d'azione con Burt Reynolds nella parte di una guardia del corpo a Las Vegas. Il film include scene di Reynolds che vince e perde grosse somme a blackjack. Basato su romanzo e screenplay del famoso sceneggiatore William Goldman.

Rain Man (1988) - il film acclamato dalla critica con Dustin Hoffman e Tom Cruise, vincitore di quattro premi Oscar nel 1989: miglior film, miglior sceneggiatura originale, miglior regista (Barry Levinson) e miglior attore (Hoffman). La trama racconta di un viaggio attraverso il paese di due fratelli, con Hoffman nei panni di un 'savant' ricoverato in un istituto e Cruise nel ruolo di un uomo egoista e intrattabile, precedentemente ignaro dell'esistenza del fratello autistico. Fanno tappa a Las Vegas, soggiornano al Caesars Palace e Raymond (il personaggio di Hoffman) usa le sue abilità matematiche e mnemoniche per vincere a blackjack.

Let It Ride (Felice e vincente) (1989) - Ambientato in un ippodromo, è uno dei film più divertenti sulle abitudini, le superstizioni, e i personaggi dell'ambiente del gioco d'azzardo. Con Richard Dreyfuss, David Johanson, Teri Garr, Robbie Coltrane e Jennifer Tilly.

Bugsy (1991) - Warren Beatty interpreta Ben 'Bugsy' Siegel, un mafioso di New York trasferito a Los Angeles al fine di acquisire saloni di scommesse per conto del boss Meyer Lansky e Charlie Luciano. Un viaggio a Las Vegas inizia un percorso per creare il primo grande resort della città: il Flamingo. Fondi mancanti e superamento dei costi portano all'omicidio di Siegel. Annette Bening interpreta l'amata di Siegel, Virginia Hill.

Indecent Proposal (Proposta indecente) (1993) - Robert Redford interpreta un miliardario che mette gli occhi su una donna sposata (Demi Moore) a Las Vegas. Redford offre $1 milione per una notte d'amore e lei accetta per finanziare il progetto immobiliare del marito. I rapporti tra i personaggi si evolvono e vanno in frantumi, finché la donna non torna dal marito (interpretato da Woody Harrelson).

Casinò (1995) - Diretto da Martin Scorsese, si concentra sui personaggi dei malavitosi Ace Rothstein e Nicky Santoro, che si trasferiscono a Las Vegas per stabilire il controllo su vari casinò. Ambientata negli anni '70 e '80, la storia offre uno spaccato delle vite reali di uomini come Antonio Spilotro, con amori, droga e il mondo spietato della mafia. Il cast d'eccezione include Robert De Niro, Joe Pesci e Sharon Stone.

Croupier (Il colpo: Analisi di una rapina) (1998) - Clive Owen interpreta un scrittore diventato croupier in un film britannico con sfumature noir. Il mondo dei casinò diventa eccitante e prende il sopravvento sulla sua vita, così come sulla sua relazione romantica.

Lola Rennt (Lola corre) (1998) - Il thriller tedesco racconta la storia di Lola (interpretata da Franka Potente), che riceve una telefonata dal suo ragazzo in pericolo di vita. Lola deve portargli 100.000 marchi, ha 20 minuti per accumulare o trovare il denaro e tre diversi modi per farlo, uno dei quali coinvolge la roulette. Ogni 'corsa' per ottenere il denaro si conclude con risultati molto diversi.

Owning Mahowny (La doppia vita di Mahowny) (2003) - Philip Seymour Hoffman recita in questo film acclamato dalla critica, tratto dalla vera storia di un bancario di Toronto che sottrasse più di $10 milioni in 18 mesi per giocare al casinò.

Ocean's Eleven (2001), Ocean's Twelve (2004), Ocean's Thirteen (2007) - Serie di film basati su Ocean's 11 (1960) che iniziano con rapine simultanee in diversi casinò di Las Vegas. I film hanno come protagonisti George Clooney, Brad Pitt, Matt Damon, Don Cheadle, Andy Garcia e Julia Roberts.

21 (2008) - Film basato su Bringing Down the House, una versione romanzata delle esperienze di Ben Mezrich del MIT Blackjack Team.

The Hangover (Una notte da leoni) (2009) - Commedia su un week-end di addio al celibato a Las Vegas finito male. Il film include una scena in cui Alan (interpretato da Zach Galifianakis), in contrasto con il suo comportamento generalmente strano, gioca brillantemente a blackjack, conta le carte e vince grandi somme. 

Toy Story 3 (2010) - Il popolare film della Disney Pixar presenta una scena in cui i giocattoli animati fondano un casinò. Un giocattolo con ruota parlante è usato come una roulette. In palio ci sono batterie.

Canzoni su giochi e casinò

Ace of spades - Motorhead (1980) - carte, dadi

Blackjack - Ray Charles (1955) - blackjack

Casino Boogie - Rolling Stones (1972) - casinò, Monte Carlo

Do It Again - Steely Dan (1972) - carte, Las Vegas

Draw of the Cards - Kim Carnes (1981) - carte

Gambler, The - Kenny Rogers (1978) - poker

Go Down Gamblin' - Blood, Sweat & Tears (1971) - blackjack, craps, roulette, casinò

The House of the Rising Sun - The Animals (1964) - gioco d'azzardo

Junior's Farm - Paul McCartney (1974) - poker

Leavin' Las Vegas - Sheryl Crow (1993) - Las Vegas

Lily, Rosemary and the Jack of Hearts - Bob Dylan (1975) - casinò, poker

Little Queen of Spades - Robert Johnson (1938) - carte, fortuna

Lonesome Loser - Little River Band (1979) - carte

Luck Be a Lady - Frank Sinatra (1965) - casinò, dadi

The Man Who Broke the Bank at Monte Carlo - Fred Gilbert (1892) - Monte Carlo, casinò

Poker Face - Lady Gaga - (2008) - poker

Pretty Vegas - INXS (2005) - Las Vegas

Queen of Las Vegas - B-52s (1983) - roulette, carte, Las Vegas

Ramblin' Gamblin 'Willie - Bob Dylan (1962) - carte, dadi, poker

Ramblin' Gamblin Man - Bob Seger (1969) - dadi, roulette, gioco d'azzardo

Riverboat Gambler - Carly Simon (1976) - casinò, gioco d'azzardo

Roll of the Dice - Bruce Springsteen (1992) - craps, dadi

Roll the Bones - Rush (1991) - dadi

Roulette - Bon Jovi (1984) - roulette

Shape of My Heart - Sting (1993) - carte

Smoke on the Water - Deep Purple (1971) - casinò

Tumbling Dice - Rolling Stones (1972) - dadi

Viva Las Vegas - Elvis Presley (1964) - Las Vegas, casinò, roulette, blackjack, poker, slot, craps

Waking Up in Vegas - Katy Perry (2008) - Vegas

We're An American Band - Grand Funk Railroad (1973) - poker

The Winner Takes It All - ABBA (1980) - carte, dadi

Proposition bet

Le proposition bet, generalmente, sono puntate secondarie su questioni collegate al gioco del casinò o altro gioco con puntate, Le scommesse sportive del casinò offrono numerose proposition bet su aspetti secondari di grandi eventi sportivi. (Esempi: quote di un safety nel Super Bowl o della possibilità che il medico fermi un incontro di pugilato). I giochi da casinò offrono occasionalmente proposition bet a proposito della probabilità che si verifichino determinate combinazioni di carte o dadi.

Le scommesse personali tra gli scommettitori (di solito giocatori esperti di casinò o giocatori d'azzardo professionisti) sono un tipo particolarmente noto di 'prop bet'. Queste scommesse possono sembrare assurde (e alcune lo sono) ma le prop bet possono essere test rivelatori delle abilità fisiche, delle conoscenze, dello spirito di gioco e di competizione e della capacità di handicap dei giocatori. Anche se queste proposition bet non fanno parte di alcun gioco da casinò (e la documentazione semmai si sviluppa dal passaparola), le prop bet sono una caratteristica affascinante della cultura dei giochi da casinò e della comunità dei giocatori.

Avvertimenti circa l'accettazione di prop bet

In genere se qualcuno lancia una sfida stravagante probabilmente ne uscirà vincente. In The Idyll of Miss Sarah Brown, il famoso racconto di Damon Runyon (fu alla base del musical e film Bulli e pupe), Sky Masterson riceve dal padre il seguente consiglio di congedo: 'Figlio, per quanto lontano tu possa viaggiare o per quanto intelligente tu possa diventare, ricordati sempre questo: un giorno, in qualche luogo, qualcuno verrà da te e ti mostrerà un nuovissimo mazzo di carte ancora sigillato e ti proporrà di scommettere che il jack di picche salterà fuori dal mazzo e ti spruzzerà sidro nell'orecchio. Ma, figlio, non scommettere, perché di certo se lo farai ti troverai un orecchio pieno di sidro'.

Il libro di scommesse del White

Il White fu uno dei club privati più in vista di Londra del XVIII e XIX secolo e comprendeva membri che apparentemente avrebbero scommesso su qualsiasi cosa. Racconti sui membri del club includono scommesse su quale di due gocce di pioggia sarebbe arrivata prima in fondo a un vetro, e se una persona ferita caduta a terra di fronte al club fosse viva o morta. White conservò un libro di scommesse nel quale i membri registravano le proposition bet. La maggior parte delle scommesse riguardavano previsioni su date future di nascite, morti e matrimoni. Secondo Claire Cock-Starkey in The Georgian Art of Gambling (British Museum, 2013), l'ultima voce in uno dei libri era una scommessa tra Lord Montfort e Sir Jno. Bland sulle vite di Beau Nash (il maestro di cerimonie di Bath) e dell'attore Colley Gibber: tra Nash e Gibber chi sarebbe vissuto più a lungo? Il libro del White riportava: 'Sia Lord M. che Sir Jno. Bland si tolsero la vita prima che la scommessa fosse decisa'.

L'inaffondabile Titanic Thompson

Alvin Clarence ' Titanic Thompson' Thomas fu uno dei primi 'giocatori d'azzardo di strada' negli Stati Uniti di inizio XX secolo. Fu di ispirazione per il personaggio di Sky Masterson dello scrittore Damon Runyon. Titanic Thompson era un maestro di proposition bet, perché trovava sempre il modo di ottenere un vantaggio. Durante uno dei tanti viaggi con altri giocatori verso Joplin, nel Missouri, notò alcuni operai che stavano piantando un cartello con scritto '20 miglia per Joplin'. Thompson assunse un uomo perché togliesse il segnale e lo spostasse 5 miglia più vicino a Joplin. In seguito si lamentò così tanto dell'inesattezza della segnaletica che i suoi compagni increduli scommisero con lui su questo e persero. Vinse anche la scommessa che sarebbe stato in grado di lanciare una noce sopra il tetto di un hotel. (Era un guscio di noce con un peso all'interno.)

L'uomo con i seni da $100.000

Michael Konik, in The Man With the $100,000 Breasts and Other Gambling Stories (1999), rivelò l'ormai famosa storia del giocatore professionista Brian Zembic che vinse una scommessa/sfida da $100.000 nel 1996 facendosi impiantare e tenendo delle protesi al seno per un anno. Tenne le protesi dopo aver vinto la scommessa e, secondo un'intervista, nel 2013 le aveva ancora.

Exile bet

Altre famose proposition bet iniziate come sfide sono le 'exile bet', dove qualcuno accetta di andare o di restare a vivere da qualche parte per un certo periodo. Queste scommesse tendono a essere più difficili di altre per i giocatori professionisti perché (a) una delle principali attrazioni del loro stile di vita è l'indipendenza e la libertà; (b) i giocatori professionisti trascorrono molto tempo negli ambienti del casinò o in altri luoghi pieni di azione e di stimoli visivi e uditivi; e (c) un ottimo giocatore di casinò esiliato dai casinò rinuncia ai propri guadagni accettando di trascorrere del tempo lontano dalle sale da gioco.

Nel corso degli anni '90, un collega sfidò il giocatore d'azzardo professionista di Las Vegas John 'Johnny World' Hennigan a dimostrare di poter trascorrere un mese a Des Moines in Iowa, città dallo stile di vita opposto a Las Vegas, Philadelphia, e Atlantic City in cui era solito trascorrere il suo tempo. La scommessa era di $25.000 e Hennigan sarebbe dovuto rimanere all'interno di un'area circoscritta a Des Moines, che comprendeva l'hotel dove avrebbe abitato, un campo da golf per le attività di ricreazione e un bar come luogo di ritrovo. Non riuscì a starci nemmeno due giorni. Detestava l'hotel, il campo da golf e il bar e non aveva la libertà di cercare (a Des Moines o altrove) situazioni migliori. Telefonò al giocatore con il quale aveva fatto la scommessa, offrendo di accettare un pagamento in misura ridotta, perché, essendosi trasferito a Des Moines sarebbe ovviamente stato in grado di rimanere e vincere la scommessa. Alla fine, dovette invece pagare una somma contrattata per lasciare Des Moines in anticipo.

Nel 2008, i giocatori di poker Andrew Robl e Alec Torelli scommisero che Jay Kwik (noto come 'Bellagio Jay' per la quantità di tempo trascorsa al Bellagio) che non sarebbe riuscito a trascorrere 30 giorni in un bagno del Bellagio a Las Vegas, Nevada, Stati Uniti. Le restrizioni includevano minuti limitati al cellulare e nessun accesso a un computer. Gli era permesso di usare un piccolo lettore DVD e di farsi recapitare cibo. Robl e Torelli installarono una webcam per monitorare la porta del bagno e offrirono, a chiunque fosse online, $500 per ogni segnalazione di infrazione. Dopo 20 giorni pagarono a Kwik una somma scontata (presumibilmente $40.000) permettendogli di lasciare il bagno e concludere la scommessa.

Lodden Thinks

Due scommettitori nominano 'Lodden' una terza persona. Pongono domande a 'Lodden' che richiedono risposte numeriche. (Ad esempio, la popolazione dell'Australia, il numero di cravatte di proprietà di Barack Obama, il numero di libri posseduti da 'Lodden'.) 'Lodden' risponde in modo segreto (a una quarta persona o su un foglietto di carta) e gli scommettitori scommettono se la risposta di Lodden sarà più alta o più bassa della soglia da loro decisa. Il gioco richiede un'analisi complessa: la risposta obiettiva (se esiste); una valutazione di ciò che 'Lodden' pensa sia la risposta; ciò che il giocatore avversario crede sia la risposta vera o ciò che pensa Lodden; e la quota stabilita per la scommessa over-under. Il gioco fu così battezzato quando alcuni giocatori di poker lo idearono a un tavolo da gioco e nominarono il membro del Team PokerStars Pro Johnny Lodden la persona sulle cui risposte avrebbero scommesso. Il gioco può includere numerosi partecipanti: i due scommettitori, altri eventuali scommettitori che si uniscono al gioco, la persona nominata 'Lodden', e altri che possono contribuire alle domande.